sabato 23 gennaio 2016

La bellezza genera bellezza... piccoli dolci senza glutine ritornando a Maria Antonietta

Stavo cercando su Google delle immagini tratte dal film Marie Antoinette, per guardare le scarpe e i ventagli, quando mi sono imbattuta in questa foto e devo dire che mi ha fatto una certa impressione trovare la mia torta lì in mezzo! Quasi avevo dimenticato la cura che avevo messo per studiare i particolari del film, le espressioni, le emozioni... e gli abiti. Ho amato realizzare questa torta per il primo compleanno del mio blog...
Oggi sono passati 6 anni da quando è iniziata quest'avventura...


"C'è una cosa che mi piace ricordare sempre ed è che la bellezza è capace di generare bellezza.. Non importa se la troviamo negli occhi di qualcuno, in un oggetto inanimato o in uno stato d'animo nostro o altrui... Ci sono istanti, a volte frazioni di secondo in cui siamo particolarmente ricettivi o bisognosi di bellezza, magari perché proprio in quel momento la vita ci pare brutta e ha bisogno di essere "abbellita"." Questo scrivevo per accompagnare la torta e spiegare come ho iniziato a decorare dolci, 7 anni fa...



Purtroppo non riesco a dedicarmi a questo blog come facevo una volta, ma io e i dolci decorati non abbiamo la crisi del settimo anno... abbiamo ancora molto da dirci e tante idee che aspettano di essere sviluppate. Ripassando da Maria Antonietta... Galeotto fu uno stampo per realizzare appunto scarpe e ventaglio della famosa regina.


Un piatto di piccoli dolci che reca al centro meringhe in miniatura, dipinte con una pennellata di colorante alimentare in polvere oro...



I biscotti sono in pasta frolla senza glutine, decorati a crudo con un mattarello che produce un disegno a rilievo e completati con un piccola rosa in ghiaccia reale.


I biscotti che fanno da supporto alle decorazioni in ghiaccia a forma di scarpe e ventaglio sono ricoperti con cioccolato al latte, impreziositi con oro alimentare.




Infine ultimo ma non ultimo... il cioccolato, non poteva mancare. Anche i cioccolatini fondenti sono decorati con oro alimentare.




-

martedì 19 gennaio 2016

Torta senza glutine al cioccolato e ghiaccio


Ecco la settimana giusta per una torta come questa, era da un po' che la volevo fare... si gela, l'ideale è scaldarsi con una torta al cioccolato! E' una versione lievemente modificata della torta Chiffon senza glutine: invece che utilizzare un preparato mix senza glutine (che ha comunque una resa perfetta e gonfia molto), ho voluto provare con le farine pure. Il risultato è una torta che rimane più bassa, tende a sbriciolarsi un po' di più, ma veramente buona. Una ganache al cioccolato stesa sopra aiuta a tenere la torta in riga...
La proposta è quella di una torta quadrata già suddivisa in porzioni, soluzione che io trovo pratica e veloce in tutte le occasioni. E' una torta che si presenta gradevole e porta via poco tempo. In più le decorazioni si possono preparare in anticipo e andranno poi solo appoggiate sulle porzioni.

INGREDIENTI
3 uova a temperatura ambiente
100 g di zucchero
4 g di cremor tartaro (senza glutine)
100 g di farina di riso
100 g di farina di grano saraceno bianca
40 g di amido di mais
8 g di lievito per dolci

PROCEDIMENTO
Preriscaldare il forno ventilato a 160°. Setacciare la farina, il cremor tartaro e il lievito.
Montare le uova con lo zucchero, il cremor tartaro, la scorza di limone e la vaniglia, a neve fermissima. Con le fruste elettriche il tempo potrà essere di 20 minuti, mentre si riduce a 10 con la planetaria.
Aggiungere continuando a montare a bassa velocità l'olio di semi a filo, giusto per il tempo che serve ad amalgamarlo. Sempre facendo girare le fruste al minimo introdurre molto gradatamente farina e lievito. Terminare rimescolando delicatamente il composto a mano, con una spatola.
Versare nello stampo e cuocere per 45-50 minuti a 160° (fare la prova stecchino).

DECORAZIONI

Occorrente:
- ghiaccia reale (una dose)
- 50 g di cioccolato fondente senza glutine
- colorante azzurro senza glutine in polvere
- colorante argento senza glutine in polvere

Come già detto, le decorazioni si possono creare in anticipo.
Preparare la ghiaccia. Aggiungere pochissimo colorante azzurro senza glutine in polvere, senza amalgamarlo del tutto, in modo che ci siano solo delle sfumature di azzurro su fondo bianco. Preparare un vassoio coperto con carta forno e spalmare con una spatola piccole porzioni di ghiaccia.
Lasciare asciugare per un'ora in forno ventilato a 40°.


Una volta asciutti i pezzi di ghiaccio possono essere dipinti qua e là con il colorante argento diluito con pochissima acqua.


Sempre su carta forno si preparano i fiocchi di neve in cioccolato e ghiaccia.
Temperare il cioccolato e inserirlo in un cono di carta forno con una bocchetta liscia da 2 mm. Tingere due cucchiaiate di ghiaccia con pochissimo colorante azzurro e trasferirle in un cono in carta forno con bocchetta liscia misura 1S. Creare i fiocchi in cioccolato (solamente le 3 righe), poi decorarli con la ghiaccia. Lasciare asciugare all'aria per 2 ore prima di staccarli delicatamente con un piccolo coltello appuntito.
Se vi avanza del cioccolato create su carta forno delle semplici e fitte righe. Completeranno la decorazione.



Glassare la torta con 100 g di cioccolato fondente, mescolato con 50 g di panna bollente, alla quale vanno aggiunti 2 g di gelatina in fogli precedentemente ammollati in acqua fredda, poi lasciare la torta a riposare un'ora in frigorifero, suddividerla con tagli per creare le porzioni e infine decorare ogni fetta.








-

mercoledì 6 gennaio 2016

Vieni a prendere un tè di Natale dalla Befana...




Sono quasi preoccupata... sono le 23.30 e sul telefono non mi è ancora arrivato uno di quei messaggi che mandano le amiche il 5 gennaio, dove tu sei la Befana e devi fare... eccetera eccetera... Evviva, aggiungiamo. Comunque, essendo più befana che mai, organizzo un bel tè a tema, tanto per non smentirmi...
Adoro il tè di Natale e voi? E' il tè più carino a vedersi e mi perdo nel suo profumo... Lo ha sapientemente confezionato la più magica delle drogherie del centro storico genovese, Torrielli, aggiungendo cuoricini di zucchero per innamorati... Così mi sono innamorata di tè, ma senza errori grammaticali, perché è proprio buono...


I biscotti sono nati così a forma di tazze e a loro si sono aggiunte delle piccole scope...


Un'altra ricetta senza glutine, seguendo le regole dei biscotti da decorare, con un minor contenuto di zucchero.

PASTA FROLLA DI RISO

INGREDIENTI
1 uovo intero + 1 tuorlo
80 g di zucchero
150 g di burro
200 g farina di riso senza glutine
140 g di amido di mais
la scorza grattugiata di 1 limone

PROCEDIMENTO
Lavorare in un mixer l'uovo, il tuorlo, lo zucchero e il burro. Aggiungere le farine e la scorza di limone, amalgamando fino ad ottenere la palla. Lavorare l'impasto anche a mano per renderlo omogeneo, poi appiattirlo e rivestirlo con pellicola per alimenti. Lasciar riposare in frigorifero 2 ore, poi impastare nuovamente a mano, stendere su carta forno una sfoglia spessa circa 8 mm, spolverizzandola con amido di mais, tagliare i biscotti (eventualmente una metà lavorati con mattarelli decorati) e cuocere in forno statico preriscaldato a 180°. Per ottenere le forme delle tazze sono partita da una forma rotonda semplice, rifilando con un coltellino.

Mentre la pasta frolla riposa in frigorifero, si può preparare la ghiaccia reale e creare su carta forno i manici per le tazze.
Quando i biscotti si sono raffreddati possono essere decorati con la ghiaccia, poi lasciati asciugare almeno 2 ore e infine dipinti con colori alimentari, in questo caso in parte a stencil, in parte a pennello.
Per ultimi si applicano i manici a tutte le tazze, con due punti di ghiaccia.





Stesso procedimento per le piccole scope, in parte decorate a crudo con mattarelli a rilievo, in parte trattate come le tazze a finta ceramica.






Bene, vi lascio, scommetto che come me avrete parecchio da fare... ;-)

-

lunedì 28 dicembre 2015

Dolci delle feste, senza glutine.


Qualche proposta per i dolci da preparare agli ospiti durante queste feste, o da portare in regalo se gli ospiti siete voi. Sono senza glutine, per chi è intollerante e anche no: i dolci senza glutine sono più soffici e hanno un gusto delicato, quindi graditi a molti. Potete eventualmente sostituire la farina senza glutine con altre farine, come ad esempio quella di farro.
Se invece dovete preparare dolci per una persona celiaca, vi invito a leggere questo post dedicato al cake design senza glutine.
La torta al cioccolato qui sopra è in particolare dedicata ai bambini: spesso non amano il panettone per via di uvetta o canditi, mentre non diranno mai di no a una torta fatta con cioccolato e caramelle...


Si tratta di un pan di Spagna senza glutine, farcito con ganache di cioccolato al latte montata fatta con 200 g di panna fresca e 100 g di cioccolato, alla quale ho aggiunto dopo averla montata 200 g di crema di nocciole, altrimenti conosciuta come nutella. La ganache è spalmata anche su tutto l'esterno della torta.
La glassa al cioccolato da versare sopra si fa ammollando 3 g di gelatina in fogli in acqua fredda per 10 minuti. Nel frattempo si sciolgono a bagnomaria 150 g di cioccolato al latte. Si portano ad ebollizione 75 g di panna fresca, ci si butta la gelatina ammorbidita e strizzata, mescolando finché non si è sciolta e la si versa sul cioccolato, mescolando bene, poi sulla torta.
Quattro caramelle natalizie a bastoncino rotte, insieme a coriandoli di zucchero e mentine hanno completato la decorazione.




Qualche cuoricino in zucchero si può aggiungere al centro...


Biscotti e meringhe sono sempre graditi, soprattutto dai bambini. Un mattarello decorato e un po' di colorante alimentare daranno un aspetto accattivante a due preparazioni semplici.
Inoltre fare le meringhe insieme alla pasta frolla permette di smaltire nel modo migliore i bianchi d'uovo avanzati.
Trovate la versione senza glutine sempre qui.


Ho suddiviso il composto delle meringhe in 2/4 bianco e due parti da 1/4 colorate con colorante alimentare in polvere rosso, in due sacche a parte che ho introdotto in una più grande con la meringa bianca.



Le meringhe escono carine, con sfumature casuali.



Per i biscotti ho trovato dei mattarelli deliziosi su Etsy, il negozio si chiama RollingWoods. Sono belli, funzionano a meraviglia e la consegna è arrivata in soli 5 giorni in periodo natalizio, praticamente un miracolo...




Durante le feste non facciamoci mancare del cioccolato, naturalmente...
Vi ripropongo questi, tratti da "Lo spirito cioccolato", saranno un regalo gradito ai vostri amici...





-

venerdì 4 dicembre 2015

Non fate arrabbiare Babbo Natale...


Non facciamo arrabbiare Babbo Natale.
Immaginiamo Babbo Natale come un essere buono, gentile e lo è assolutamente, però a causa dell'età e proprio perché è così buono, è un po' suscettibile. Quindi lui porta i regali, fa HO HO HO, che è una cosa che mi fa sempre ridere, ma se lo trattate senza rispetto o peggio, se non credete in lui, s'infuria e vi spezza tutte le caramelle a bastoncino...
Ecco...


Visto che il danno ormai è fatto... non resta che prendere le caramelle fatte a pezzi e usarle per creare qualcosa di nuovo...
Serve un panettone. No, non prendetelo a botte per appiattirgli la pancia... basta appoggiarvi sopra un foglio di carta forno e una delicata pressione... Il panettone è morbido, lo sappiamo tutti per via di una famosa pubblicità, quindi... scenderà senza opporre resistenza.
Oltre al panettone occorre della glassa al cioccolato bianco, del colorante alimentare rosso in gel e le caramelle a bastoncino distrutte.
Preparate per prima cosa un cono di carta oleata, servirà per le righe in rosso.


Quando si fa una marmorizzazione come questa, c'è una sola cosa a cui badare: la velocità. Se aspettate troppo la glassa si indurirà e invece che un disegno otterrete degli antiestetici solchi. Preparate tutto prima, in modo da non perdere tempo: ciotole, cucchiai, cono di carta, colorante e uno stecchino, poi procedete con la glassa al cioccolato.

Per la glassa:
2 gr di gelatina in fogli 
50 gr di panna fresca
100 gr di cioccolato bianco

Ammollare la gelatina in acqua fredda.Mettere il cioccolato a dadini in una ciotola, Scaldare la panna in un pentolino, aggiungere la gelatina strizzata, portare ad ebollizione e versare sul cioccolato, mescolando finché non si è completamente sciolto. Se ammorbidite un po' prima il cioccolato in una ciotola a bagnomaria, l'operazione sarà più semplice.

Prenderne da parte una modesta quantità, pari a due o tre cucchiaiate e tingerla velocemente con il colorante rosso. Versarla nel cono di carta oleata e chiuderlo.
Versare lentamente la glassa sul panettone. La glassa deve creare sul panettone qualche colatura, senza esagerazioni. Se necessario, ovvero se rimane trasparente, fare una seconda passata.


Tagliare la punta del cono che contiene la glassa rossa (in modo che diventi 3-4 mm di diametro) e disegnare righe distanziate di 2 cm tra loro.


Con lo stecchino percorrere la glassa, alternativamente verso il basso e verso l'alto.



Se si sono create delle piccole bolle vanno scoppiate subito.


Utilizzando un tarocco o una spatola per frenarne la caduta, spargere i pezzetti di caramelle su tutta la circonferenza del dolce.



La decorazione può essere finita così, oppure ulteriormente arricchita con qualche elemento, dal più raffinato al più giocoso.


Cammeo in pasta di cioccolato con perline alimentari.


Fiore, bottoni e gemme in pasta di cioccolato, con colorante alimentare oro in polvere.




Se alla vostra tavola siedono dei bambini, potreste fare un piccolo panettone per loro, decorato solo con caramelle... saranno sicuramente più gradite. ;-)





-